Mollaian Trade, incontro fra due mondi

La passione per i tappeti, una vena creativa superiore e la profonda conoscenza del mercato hanno guidato Dariush negli anni e gli hanno permesso di primeggiare a livello internazionale, non solo per la gamma di prodotti offerti e la forte presenza sul mercato, ma anche per l’innovatività delle linee di produzione propria, seguite sempre di persona, dalla fase del design, alla selezione delle materie prime, fino alla produzione in centri propri nel Medio Oriente.

La seconda figura d’eccellenza che ha marcato la storia della Mollaian Trade è Mahshid, architetto laureato all’Università di Venezia e moglie di Dariush. Grazie al suo amore per l’interior design e per la ricercatezza dei dettagli, alla sua personale interpretazione dell’estetica ed al suo naturale senso della bellezza, Mahshid ha portato in azienda un tocco femminile, aggiungendo alle competenze del marito una spiccata professionalità direzionale.

La famiglia Mollaian, fondatrice dell’azienda, ha vissuto su due continenti e viaggiato il mondo, dalle Americhe all’Estremo Oriente, è entrata in contatto con le tradizioni più esotiche, ha acquisito una ricchezza culturale inestimabile, ed arreda da decenni le più belle case italiane. Ciò nondimeno la competitività dei suoi prezzi e la vastità di prodotti, anche personalizzabili, hanno permesso alla Mollaian Trade di decorare numerosissime abitazioni di giovani famiglie, sedi aziendali di piccoli imprenditori, ristoranti, hotel e quant’altro.

Dariush e Mahshid sono sempre stati particolarmente consapevoli e grati per le opportunità ed i privilegi che questa vita gli ha fornito, ed è per questo motivo e per il senso di responsabilità nei confronti della società in cui viviamo che da anni sostengono piccoli progetti sociali in alcune zone rurali del Medio Oriente, con l’auspicio di poter dire un giorno di aver offerto un futuro migliore non solo ai propri figli, bensì anche ad altre famiglie.

Vi aspettiamo nel nostro Showroom!
Dariush e Mahshid

No products in the cart.